Fattura Elettronica

Lo stato della Fatturazione Elettronica in Scandinavia

Fatturazione Elettronica in Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca.

La regione scandinava è una delle più avanzate in Europa nello sviluppo della Fatturazione Elettronica. Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca sono stati tra i primi paesi a utilizzare la Fatturazione Elettronica, anticipando le direttive europee in materia. Analizziamo il sistema di Fatturazione Elettronica in ognuno di questi paesi e i loro futuri progetti in materia di e-procurement.

 

Sommario [Nascondi]

La Fatturazione Elettronica in Svezia

In Svezia, la Fatturazione Elettronica è più diffusa nel settore pubblico. Già nel 2008, il governo svedese ha reso obbligatorio l’interscambio di Fatture Elettroniche con le agenzie statali centrali. Questo obbligo è stato esteso nel 2019 a tutti gli altri enti pubblici regionali e comunali e ai loro fornitori, ai sensi dei requisiti della Direttiva europea sugli appalti pubblici. I fornitori pubblici devono inviare le proprie Fatture Elettroniche nel formato europeo Peppol BIS Billing 3.0. Il sistema di interscambio raccomandato è quello supportato dalla rete PEPPOL, alla quale tutte le Pubbliche Amministrazioni sono registrate come destinatari.

La normativa svedese sullo "Scambio elettronico di informazioni da parte delle autorità pubbliche" 2003:770 richiede che le agenzie governative non solo siano in grado di ricevere Fatture Elettroniche, ma anche di inviarle attraverso la rete PEPPOL ad altri enti pubblici.  Oltre alla Fatturazione Elettronica, le Pubbliche Amministrazioni e i loro fornitori hanno anche la possibilità di scambiare ordini e cataloghi elettronici sempre attraverso la rete PEPPOL.

Se un fornitore pubblico non rispetta i requisiti di Fatturazione Elettronica, può essere sanzionato dal DIGG (Myndigheten för digital förvaltning), che è l’ente responsabile della digitalizzazione della Pubblica Amministrazione svedese oltre a essere l’Autorità PEPPOL del paese.

Nel settore privato, le aziende possono scambiarsi fatture su base volontaria.

 

La Fatturazione Elettronica in Norvegia

 

Anche la Norvegia è stata uno dei primi paesi europei a rendere obbligatorio l'uso della Fatturazione Elettronica nel settore B2G. Già nel 2011, infatti, ha obbligato le sue amministrazioni centrali a ricevere Fatture Elettroniche e i suoi fornitori pubblici a inviarle nel 2012. Dal 2019, tutte le Pubbliche Amministrazioni e i loro fornitori sono obbligati a interscambiare le fatture in formato elettronicoche.

Le Pubbliche Amministrazioni devono utilizzare la rete PEPPOL per ricevere le fatture. Sia le Pubbliche Amministrazioni che i fornitori possono scegliere il proprio PEPPOL Access Point e devono essere in grado di elaborare le fatture nel formato nazionale EHF Billing 3.0, adattato ai requisiti della Direttiva europea.

Per poter inviare e ricevere Fatture Elettroniche tramite la rete PEPPOL, sia i fornitori che le Pubbliche Amministrazioni devono essere registrati in ELMA, che funge da SMP della rete PEPPOL in Norvegia.

Nel settore privato, nonostante l'assenza di politiche che prevedano l’obbligatorietà, la Fatturazione Elettronica è ampiamente adottata dalle aziende.

Le aziende private possono anche consultare il registro ELMA per scoprire quali aziende in Norvegia possono ricevere documenti elettronici in formato EHF attraverso la rete PEPPOL. Quasi 202.000 tra enti pubblici e privati sono attualmente registrati in ELMA.

Oltre alla Fattura Elettronica, altri documenti elettronici come fatture di credito, solleciti di pagamento, ordini o cataloghi elettronici vengono attualmente scambiati attraverso la rete PEPPOL.

 

La Fatturazione Elettronica in Danimarca

La Danimarca è una nazione pioniera nell'utilizzo della Fattura Elettronica. Dal 2005 le Pubbliche Amministrazioni e i loro fornitori sono obbligati a interscambiare Fatture Elettroniche. Inoltre, nel 2007, il governo danese ha creato la propria infrastruttura per lo scambio di fatture elettroniche chiamata NemHandel, precursore dell'attuale rete paneuropea PEPPOL.

Attualmente in Danimarca coesistono entrambe le infrastrutture, per questo le Pubbliche Amministrazioni sono obbligate a ricevere documenti elettronici sia nel formato nazionale OIOUBL, attraverso la piattaforma NemHandel, sia nel formato europeo PEPPOL BIS 3, attraverso la rete PEPPOL. Tuttavia, l'obiettivo del governo è quello di arrivare all’utilizzo esclusivo degli standard PEPPOL e della rete europea, per tutti i vantaggi offerti in termini di commercio transfrontaliero. Infatti, la stessa piattaforma NemHandel è integrata nella rete PEPPOL come Service Metadata Publisher (SMP).

Si prevede inoltre che, entro il 2023, le istituzioni pubbliche effettueranno elettronicamente i propri acquisti, utilizzando cataloghi e ordini elettronici per alcune categorie di beni.

Nel settore B2B, le aziende sono libere di fatturare elettronicamente, a condizione che ciò venga stabilito di comune accordo.

 

La Fatturazione Elettronica in Finlandia

 

Nonostante l'assenza di politiche di obbligatorietà oltre a quelle richieste dall'Unione Europea, e sempre nel campo degli appalti pubblici, la Fatturazione Elettronica è ampiamente diffusa in Finlandia. Infatti, dal 2010, le Pubbliche Amministrazioni hanno indicato la propria preferenza a ricevere le fatture in formato digitale, anticipando la Direttiva europea sugli appalti pubblici.

Dal 2020, il governo finlandese ha riconosciuto il diritto di ricevere Fatture Elettroniche per qualsiasi azienda pubblica o privata con fatturato superiore a 10.000 euro, se lo richiede al proprio fornitore. Per il resto delle aziende private, l'uso della Fatturazione Elettronica è soggetto a un accordo tra entrambe le parti.

Per quanto concerne il sistema di fatturazione, non esiste una piattaforma statale e le aziende possono scegliere il fornitore privato che preferiscono per poter creare e inviare le fatture digitali. I fornitori tecnologici dei sistemi di Fatturazione Elettronica gestiscono e aggiornano un database pubblico contenente tutte le informazioni di ricezione/invio per ogni singolo ente pubblico e privato che ha attivato l’opzione. I fornitori di servizi di Fatturazione Elettronica in Svezia stanno infatti implementando un sistema molto simile, ispirato dai buoni risultati ottenuti in Finlandia.

Dal 2021, il governo accetta solo Fatture Elettroniche conformi allo standard europeo nazionale; per questo fatture devono essere preventivamente convalidate dal sistema di Fatturazione Elettronica prima di essere inviate al destinatario. I documenti elettronici devono essere emessi nei formati nazionali TEAPPSXML 3.0 e Finvoice 3.0, che soddisfano i requisiti europei.

D'altra parte, tra gli obiettivi del governo c'è lo sviluppo del progetto "Real-time Economy", che prevede lo scambio di documenti elettronici come cataloghi, ordini o conferme d'ordine nella Pubblica Amministrazione attraverso la rete PEPPOL.

PEPPOL, Pan European Public Procurement On-Line

PEPPOL è l'iniziativa della Commissione europea creata per semplificare i processi di approvvigionamento pubblico e promuovere il commercio transfrontaliero tra i paesi dell'Unione Europea. PEPPOL si compone di una serie di strumenti volti a standardizzare lo scambio di documenti commerciali tra le diverse amministrazioni europee, tra i quali si annoverano:

  • La rete PEPPOL eDelivery Network.

  • Normativa tecnica e legale che definisce le specifiche per l'interoperabilità tra aziende e governi.

La rete PEPPOL collega le diverse Pubbliche Amministrazioni con i loro fornitori attraverso i cosiddetti PEPPOL Access Point, in modo sicuro e automatizzato.

I PEPPOL Access Point sono responsabili dell'invio e della ricezione di documenti elettronici attraverso la rete PEPPOL.  La versatilità del sistema ha portato la maggior parte dei paesi nordici a scegliere questo sistema per l’interscambio delle Fatture Elettroniche e altri documenti commerciali.

EDICOM ha ottenuto la certificazione PEPPOL Access Point neldal 2015 dalle Autorità PEPPOL di vari paesi, non solo in Europa, ma anche in Australia, Nuova Zelanda e Singapore dalle varie Autorità PEPPOL di questi paesi, dove si è che hanno deciso di utilizzare la rete europea per digitalizzare i loro processi di approvvigionamento pubblico.

Attraverso la piattaforma di Fatturazione Elettronica EDICOM, le aziende possono inviare e ricevere Fatture Elettroniche, ordini, bolle di consegna o qualsiasi altro documento elettronico in conformità con i requisiti tecnici e legali non solo delle amministrazioni di Svezia, Finlandia, Norvegia o Danimarca, ma anche con quelle di qualsiasi paese del mondo.

 

*I contenuti di questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità di EDICOM e non riflettono necessariamente l'opinione dell'Unione Europea.

 

Vuoi saperne di più?

Richiedi maggiori informazioni

Potrebbe interessarti anche leggere a proposito di...

Gli Stati Uniti lanciano il loro progetto pilota per la fatturazione elettronica

La Business Payments Coalition insieme alla Federal Reserve sta sviluppando un progetto pilota

La Polonia renderà obbligatorio l'uso della Fatturazione Elettronica B2B

La massificazione è iniziata in maniera volontaria lo scorso ottobre del 2021 e sarà obbligatoria a partire dal 2023

Il Belgio estende la fatturazione elettronica B2G a tutti i suoi fornitori

Il governo belga ha approvato un progetto di Regio Decreto sull'implementazione della fatturazione elettronica