Fattura Elettronica

Stato della fatturazione elettronica obbligatoria tra aziende in Spagna

fattura B2B Spagna

Indice dei contenuti [Nascondi]

Il progetto di fatturazione elettronica tra aziende in Spagna è incluso nella Legge "Crea y Crece" approvata nel settembre 2022, che stabilisce che la fatturazione elettronica sarà l'unico sistema che potrà essere utilizzato nelle relazioni commerciali tra aziende e lavoratori autonomi in Spagna. Questa iniziativa garantirà una maggiore agilità e controllo dei pagamenti, che si tradurrà in una riduzione della morosità commerciale e favorirà la crescita del business.

Regolamento tecnico sulla fatturazione elettronica B2B in Spagna

Il 20 giugno 2023 è stato pubblicato il Progetto di Regio Decreto di attuazione della Legge 18/2022 sulla Creazione e Crescita delle Imprese in materia di fatturazione elettronica tra imprese e professionisti ed è stato aperto un periodo di audizione pubblica per la presentazione di osservazioni, che si è concluso il 10 luglio 2023. Dopo questo periodo, il 2 febbraio 2024, il Ministero dell'Economia e della Trasformazione Digitale e il Ministero delle Finanze e della Funzione Pubblica hanno presentato alla Commissione Europea il progetto di sviluppo normativo della Legge "Crea y Crece", che include le modifiche presentate durante il periodo di audizione pubblica e regola gli obblighi di fatturazione tra imprese e professionisti in Spagna. 

*Le principali novità sono:

Stati delle fatture

  • I destinatari delle fatture elettroniche devono comunicare il pagamento completo o il rifiuto alla soluzione pubblica, indipendentemente dal fatto che sia stata utilizzata la soluzione pubblica o una piattaforma privata, o che anche gli stati delle fatture siano stati inviati tramite queste ultime.
  • Se lo scambio di fatture avviene tra piattaforme private, il destinatario della fattura deve comunicare al mittente il rifiuto o l'effettivo pagamento, nonché l'accettazione della fattura. 
  • La notifica degli stati di pagamento sarà effettuata alla soluzione pubblica e non si invierà al Suministro Inmediato de Información (SII).
  • Le informazioni sullo stato delle fatture dovranno essere inviate entro 4 giorni di calendario dalla data dello stato comunicato in ciascun caso. In assenza di rifiuto o di una successiva fattura correttiva, le fatture si presumono accettate.

Formato della soluzione pubblica

  • Il formato di sintassi della soluzione pubblica sarà Facturae. Tra le piattaforme private, può essere utilizzato qualsiasi formato con una delle seguenti sintassi: XML, UBL, EDIFACT o Facturae.

Meccanismi di comunicazione della soluzione pubblica

  • La soluzione pubblica disporrà di meccanismi per consentire ai mittenti delle fatture di segnalare volontariamente l'incasso o il mancato pagamento delle fatture.

Copie delle fatture

  • Le fatture scambiate tra piattaforme private devono essere inviate contemporaneamente come copia fedele e chiaramente identificata alla soluzione pubblica. Il destinatario disporrà di meccanismi nella soluzione pubblica per scaricare le fatture originali, le copie o entrambe.

Termini per la notifica degli stati delle fatture

  • È previsto un termine di 12 mesi per la notifica degli stati delle fatture per aziende con un fatturato superiore a 8 milioni di euro.
  • Per le aziende con un fatturato inferiore a 8 milioni di euro è previsto un periodo aggiuntivo di 36 mesi per la notifica degli stati delle fatture.

Da questo momento, si apre un periodo per la presentazione di allegazioni da parte degli Stati membri dell'UE fino al 6 maggio 2024. Una volta terminato questo periodo, il progetto di sviluppo normativo passerà al Consiglio di Stato, che preparerà la bozza finale e sarà presentata al Consiglio dei Ministri per la sua approvazione e la successiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dello Stato (BOE), dando così il via ai termini di attuazione previsti.

Chi sarà obbligato a emettere fatture elettroniche? 

Gli imprenditori e i professionisti che devono emettere e consegnare fatture per le operazioni che effettuano nell'ambito della loro attività commerciale o professionale, quando il destinatario della transazione è un'impresa o un professionista, saranno obbligati a emettere fatture elettroniche. Tale obbligo non si applica quando: 

  • Una delle due parti della transazione non ha sede in territorio spagnolo o non ha una stabile organizzazione in Spagna a cui è indirizzata la fatturazione.
  • Si tratta di fatture semplificate emesse ai sensi dell'art. 4 del RD 1619/2012, tranne nel caso di fatture semplificate qualificate di cui all'art. 7.2 del regolamento.

Da quando sarà obbligatoria la fatturazione elettronica?

Il Regio Decreto entrerà in vigore dodici mesi dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale dello Stato (BOE) e sarà effettivo da quel momento per le aziende e i professionisti. Pertanto, secondo il progetto presentato alla Commissione Europea, le fasi di attuazione sono:  

  • 12 mesi a partire dalla pubblicazione definitiva del Regio Decreto per l'emissione/ricezione delle fatture e dei relativi stati per le aziende il cui fatturato annuo supera gli 8 milioni di euro.
  • 24 mesi a partire dalla pubblicazione definitiva del Regio Decreto per l'emissione/ricezione di fatture da parte di aziende con un fatturato annuo inferiore a 8 milioni di euro.
  • 36 mesi a partire dalla pubblicazione definitiva del Regio Decreto per la notifica degli stati delle fatture da parte delle aziende con un fatturato annuo inferiore a 8 milioni di euro.

Durante i primi 12 mesi dall'entrata in vigore del Regio Decreto, le aziende obbligate a emettere fatture elettroniche nelle loro transazioni devono accompagnarle con una copia in formato PDF che ne garantisca la leggibilità alle aziende e ai professionisti per i quali non è ancora entrato in vigore l'obbligo di ricevere fatture elettroniche, tranne nel caso in cui il destinatario delle fatture elettroniche accetti volontariamente ed espressamente di riceverle nel loro formato originale.

Come funzionerà la fatturazione elettronica in Spagna?

Il sistema spagnolo di fatturazione elettronica B2B sarà costituito da un insieme di piattaforme private di scambio di fatture elettroniche che soddisfano i requisiti stabiliti dal Regio Decreto e dalla soluzione pubblica di fatturazione elettronica, che fungerà da archivio di fatture e che sarà gestita dall'AEAT (Agencia Estatal de Administración Tributaria).

La fatturazione elettronica può essere effettuata attraverso piattaforme private, attraverso la soluzione pubblica o attraverso una combinazione di entrambe.  Le imprese e i professionisti saranno obbligati a emettere e trasmettere fatture elettroniche ai loro clienti commerciali e professionali e a riceverle dai loro fornitori attraverso uno di questi canali. Indipendentemente dal canale con cui la fattura elettronica viene inviata al cliente, tutti gli emittenti di fatture elettroniche che non utilizzano la soluzione pubblica di fatturazione elettronica saranno obbligati a inviare una copia conforme di ogni fattura nel formato Facturae alla soluzione pubblica, contenente i requisiti minimi obbligatori definiti nelle regole tecniche sulla fatturazione elettronica.

Come fare una fattura elettronica?

Le fatture elettroniche devono essere conformi ai requisiti tecnici stabiliti nel Regio Decreto che approva lo sviluppo normativo e che regola gli obblighi di fatturazione. Secondo la bozza di questo regolamento inviata alla Commissione Europea, possono essere emesse con una delle seguenti sintassi:

  • Formato UN/CEFACT XML CII della fattura applicabile a tutto il settore.
  • Formato UBL di fattura e nota di credito come definito nella norma ISO/IEC 19845:2015.
  • Formato di fattura EDIFACT in conformità alla norma ISO 9735.
  • Formato Facturae, nella versione in vigore per la fatturazione tra imprenditori e professionisti.

L'autenticità dell'origine e l'integrità del contenuto delle fatture elettroniche sono garantite da uno dei seguenti meccanismi:

  • Mediante una firma elettronica avanzata in conformità al Regolamento eIDAS sull'identificazione elettronica e i servizi fiduciari.
  • Tramite l'interscambio elettronico di dati (EDI), dove vengono utilizzate procedure per garantire l'autenticità dell'origine e l'integrità dei dati.

Stati della fattura elettronica

I destinatari delle fatture elettroniche, in conformità a quanto previsto dalla sezione 1 dell'articolo 2 bis della Legge 56/2007, del 28 dicembre, devono comunicare al soggetto obbligato all'emissione della fattura i seguenti stati della fattura:

  • Accettazione o rifiuto commerciale completo della fattura e della sua data.
  • L'effettivo pagamento completo della fattura e la sua data. 

Inoltre, è possibile segnalare i seguenti stati: 

  • Accettazione o rifiuto commerciale parziale della fattura e della sua data. 
  • Pagamento parziale della fattura, importo pagato e data,
  • Cessione della fattura a terzi per l'incasso o il pagamento, con identificazione del cessionario e della data di cessione.

Le informazioni sugli stati della fattura saranno inviate entro un massimo di 4 giorni di calendario, esclusi sabati, domeniche e festività nazionali, a partire dalla data dello stato segnalato in ciascun caso.

Interconnessione tra piattaforme di fatturazione elettronica private

I fornitori di piattaforme private di fatturazione elettronica saranno obbligati a interconnettersi con qualsiasi altro operatore privato di fatturazione elettronica che faccia parte del sistema di fatturazione elettronica spagnolo, quando ciò venga richiesto da uno dei loro clienti. 

In alternativa, e se il cliente lo consente, gli operatori possono utilizzare la soluzione pubblica di fatturazione elettronica come mezzo di interconnessione. Se la soluzione pubblica viene utilizzata a tal fine, la piattaforma privata di fatturazione elettronica designata dal destinatario sarà responsabile della trasformazione del messaggio di fatturazione elettronica in modo che sia conforme alla sintassi e alle specifiche tecniche concordate dalle parti nel caso in cui differisca dal formato e dalle specifiche della soluzione pubblica di fatturazione elettronica, preservando l'autenticità della sua origine e l'integrità del suo contenuto.

Piattaforma globale di fatturazione elettronica EDICOM

EDICOM, punto di riferimento internazionale nella fatturazione elettronica, è il provider più utilizzato dalle aziende spagnole per lo scambio di fatture elettroniche tra loro. La nostra piattaforma è anche una delle più utilizzate dalle aziende spagnole e di tutto il mondo per gestire la fatturazione elettronica con le amministrazioni pubbliche spagnole, oltre ad altre procedure telematiche di natura fiscale come il SII (Suministro Inmediato de Información) o il Ticket Bai (Paesi Baschi). 

A questo proposito, EDICOM offre ai propri clienti una soluzione globale che soddisfa tutti i requisiti tecnici stabiliti dal sistema di fatturazione elettronica spagnolo o di qualsiasi altro paese del mondo.

Hai bisogno di maggiori informazioni sulla fatturazione elettronica in Spagna?

Contatta i nostri esperti per saperne di più sul progetto e pianificare l'adeguamento dei tuoi sistemi agli obblighi previsti dal regolamento sulla fatturazione elettronica.

Contattaci ora!

Deadlines future in Spagna

Rimani informato sulle date chiave di entrata in vigore degli obblighi fiscali e di fatturazione elettronica in tutto il mondo.

EDICOM News Italia | Scopri di più su Fattura Elettronica

La Malesia introduce la fatturazione elettronica: modello CTC con pre-validazione

L'obbligo di fatturazione elettronica B2B scatterà nell'agosto 2024

Fatturazione elettronica B2B negli Emirati Arabi Uniti (EAU): Peppol DCTCE previsto per il 2026

Il governo degli Emirati Arabi Uniti si sta preparando all'introduzione massiva della fattura elettronica B2B entro il 2026

L’Arabia Saudita rende obbligatorio l’uso della e-Fattura: progetto FATOORAH

La soluzione di fatturazione elettronica EDICOM è pronta per la fase II, la fase di integrazione con il sistema ZATCA