Fattura Elettronica

Dettagli sulla Fatturazione Elettronica in Estonia, Lettonia e Lituania

Dettagli sulla Fatturazione Elettronica in Estonia, Lettonia e Lituania

Estonia, Lettonia e Lituania stanno lanciando nuovi sviluppi in materia di Fatturazione Elettronica. Seguendo l'esempio del resto d'Europa, si sono impegnati a garantire l'interoperabilità nello sviluppo dell'e-procurement per non perdere il loro vantaggio competitivo. Quali sono gli ultimi sviluppi della Fatturazione Elettronica in questi Paesi?

I Paesi baltici stanno facendo progressi nel miglioramento delle relazioni B2G e B2B, anche se a ritmi diversi.

Indice dei contenuti [Nascondi]

Estonia, obbligo di Fatturazione Elettronica B2G

Da luglio 2019, la Fatturazione Elettronica è obbligatoria nei rapporti B2G. In altre parole, i fornitori della Pubblica Amministrazione estone devono emettere fatture elettroniche nel rispetto di uno dei seguenti standard:

  • Norma europea: formato UBL o UN/CEFACT, approvati dalla Direttiva 2014/55/UE.
  • Norma nazionale: formato XML basato sullo standard EVS 923: 2014 / AC: 2017.

A differenza dei Paesi in cui si utilizza una piattaforma o un hub centrale (come nel caso della Spagna con Facturae o della Francia con Chorus Pro), attraverso il quale le fatture vengono inviate e distribuite agli enti pubblici corrispondenti, nel caso dell'Estonia i fornitori devono inviare le fatture elettroniche direttamente all'amministrazione pubblica che ha appaltato il servizio, potendo scegliere tra diversi fornitori privati di fatturazione elettronica.

Tutte le entità di fatturazione elettronica sono registrate presso il Centro per il Registro e i Sistemi Informativi (RIK), che fa parte del Ministero della Giustizia estone. Il RIK gestisce tutte le informazioni per la trasmissione delle fatture in formato elettronico alle aziende e alle istituzioni registrate. La fatturazione elettronica in Estonia non richiede la firma elettronica.

La Lituania aderisce alla rete Peppol

Dal 18 aprile 2019 la Lituania fa parte della rete Peppol. Il Paese baltico supporta anche lo standard adottato dalla rete Peppol: Peppol UBL (Universal Business Language), una variante di XML che è diventata uno standard comune e interoperabile, fondamentale per lo sviluppo degli appalti elettronici transfrontalieri.

La Lituania ha reso obbligatoria la fatturazione elettronica B2G nel luglio 2017, e meno di 2 anni dopo è stato adottato lo standard Peppol, anche se il formato XML nazionale precedentemente utilizzato è ancora accettato.

La piattaforma pubblica lituana eSaskaita, che funge da hub centrale per l'invio e la ricezione delle fatture elettroniche, è ora collegata alla rete Peppol.

La Lituania ha anche sviluppato l'adempimento elettronico degli obblighi fiscali. Questo progetto fa parte del sistema di amministrazione fiscale intelligente chiamato i.MAS e consiste in 3 sottosistemi:

  1. VAZ: rapporto mensile relativo alle bolle di consegna e altri documenti di trasporto merci emessi.
  2. SAF: rapporto mensile relativo alle fatture emesse e ricevute.
  3. SAFT: file elettronico di verifica fiscale da presentare durante un’ispezione su richiesta dell'autorità fiscale.

Lettonia: obbligo di Fatturazione Elettronica B2G e pianificazione della Fatturazione Elettronica B2B

Il 9 aprile 2019 il Consiglio dei Ministri ha pubblicato il regolamento n. 154, che stabilisce che le pubbliche amministrazioni devono accettare le fatture elettroniche in formato Peppol BIS 3.0 dai fornitori che vogliono fatturare elettronicamente. Da aprile 2020, la fatturazione elettronica B2G è obbligatoria per le amministrazioni centrali e sub-centrali/locali per tutte le amministrazioni aggiudicatrici.

Le fatture elettroniche possono essere inviate in tre modi:

  • Attraverso lo strumento "e-adrese" per la comunicazione con le amministrazioni pubbliche lettoni, disponibile solo per le aziende registrate in Lettonia.
  • Tramite e-mail.
  • Qualsiasi altro mezzo precedentemente concordato con la pubblica amministrazione.

Per connettersi all'amministrazione centrale, esiste una piattaforma statale chiamata ePakalpojumi.lv
Per quanto riguarda il B2B, il Ministero delle Finanze lettone ha pubblicato un report in cui dichiara l'intenzione di introdurre la Fatturazione Elettronica obbligatoria per tutte le transazioni B2B e B2G a partire dal 2025, utilizzando la rete Peppol.

Soluzione globale di Fatturazione Elettronica 

A prescindere da quali siano gli ultimi sviluppi nel campo della Fatturazione Elettronica, risulta sempre utile avere un provider di riferimento con capacità globali, in grado di adattarsi rapidamente agli sviluppi specifici di ogni paese. La gestione della Fatturazione Elettronica con le Pubbliche Amministrazioni dell'Unione Europea, nel rispetto delle specifiche nazionali, può rappresentare una sfida per le multinazionali. Per semplificare il tutto, EDICOM ha sviluppato una piattaforma globale di comunicazione elettronica B2B2G con funzionalità di Fatturazione Elettronica e VAT Compliance.

Questa piattaforma consente l'invio di fatture elettroniche in linea con i requisiti di qualsiasi Pubblica Amministrazione attraverso un'unica soluzione.

 

EDICOM coordinates HOSP&INVOICE project (Action No: 2017-EU-IA-0146).

EDICOM HOSP&INVOICE project (Action No: 2017-EU-IA-0146)

EDICOM News Italia | Scopri di più su Fattura Elettronica

Informazioni chiave sulla fatturazione elettronica obbligatoria in Zambia: Smart Invoice

Dal 1° luglio 2024 sarà obbligatorio utilizzare il sistema di fatturazione elettronica Smart Invoice implementato dalla ZRA

Singapore: progetto di fatturazione elettronica InvoiceNow tramite Peppol

L'Inland Revenue Authority of Singapore (IRAS) ha pubblicato un calendario per l'adozione volontaria della fatturazione B2B

Progetto di fatturazione elettronica negli Stati Uniti: rete di scambio interoperabile

La DBNA sarà responsabile della definizione di politiche, standard, meccanismi di sicurezza, regole e linee guida