Fattura Elettronica,  International Compliance

Il SAT proroga l'uso obbligatorio del CFDI 4.0 tipo Nómina

CFDI-Nomina

Il Servicio de Administración Tributaria (SAT) ha posticipato al 1 luglio 2023 l'entrata in vigore del Comprobante Fiscal Digital por Internet tipo Nómina (CFDI) versione 4.0. Fino a tale data, è possibile continuare ad utilizzare la versione 3.3.

Il SAT ha ritardato l'entrata in vigore di CFDI Nómina 4.0, prevista per il 1° gennaio 2023, al 1° aprile 2023. Il motivo di questa proroga è che i contribuenti obbligati ad emettere questo tipo di fatture elettroniche "possano avere a disposizione tutti i requisiti previsti dalle disposizioni fiscali per l'emissione del CDFI nella sua versione 4.0", come spiega il SAT in un comunicato stampa. 

In particolare, nella recente riforma fiscale del 2022, i seguenti campi sono stati inseriti come dati obbligatori per il destinatario del CFDI: Registro federale dei contribuenti (RFC), nome, ragione sociale o denominazione sociale, codice postale del domicilio fiscale ed uso. Questi adeguamenti, che richiedono maggiori dettagli dei dati comunicati al SAT, hanno lo scopo di arginare le false fatturazioni utilizzate per evadere ed eludere le tasse.

Con la riforma fiscale, la versione 4.0 del CFDI è entrata in vigore il 1° gennaio 2022. La riforma prevede un aggiornamento della fattura elettronica con un periodo di coesistenza con la versione 3.3 fino al 31 dicembre 2022. Questa data viene mantenuta, con la sola eccezione del CFDI Tipo Nómina 3.3, che estende la sua validità fino al 30 giugno 2023. 

Cambiamenti nella nuova versione CFDI 4.0

I principali cambiamenti nel CFDI Tipo Nómina versione 4.0 sono:

  • L'espressione formato della data viene standardizzata in conformità all'Allegato 20 per gli attributi FechaPago, FechaInicialPago, FechaFinalPago y FechaInicioRelLaboral.
  • Le convalide della versione e del metodo di pagamento vengono eliminate.
  • Sono state incorporate le convalide per l'emissione del complemento con la versione 4.0 del CFDI, come RegimenFiscalReceptor, ObjetoImp, ACuentaTerceros, InformacionAduanera, CuentaPredial, ComplementoConcepto, Parte.
  • Inoltre, nell'ambito dell'integrazione con il CFDI versione 4.0, RFC, nome, regime fiscale e codice postale dell'indirizzo fiscale del destinatario vengono inseriti come requisiti obbligatori per l'emissione della busta paga
     

Perché è importante attuare le modifiche richieste dalla riforma fiscale dei CFDI Nómina? 

Se i dati fiscali dei lavoratori non corrispondono a quelli del SAT, le ricevute non possono essere timbrate e non sono deducibili. 

Il Certificado Fiscale Digitale por Internet di Tipo Nómina è un tipo di fattura elettronica che riflette l'importo pagato da un'azienda ai propri dipendenti per un servizio reso in un determinato periodo di tempo. Tale documento digitale deve essere timbrato da un PAC autorizzato per avere valore fiscale e poter essere presentato al SAT.

Se non si rispettano i nuovi requisiti tecnici de amministrativi stabiliti dal SAT per il CFDI Nómina, questo non potrà essere convalidato.

La sicurezza di avere un PAC autorizzato

EDICOM è un provider tecnologico specializzato in EDI e fatturazione elettronica, ed in Messico, EDICOM è il numero 1 tra i PAC e il primo Certification Provider autorizzato dal SAT a timbrare i CFDI. 

EDICOM si adegua immediatamente alle novità del SAT, in modo che i clienti possano continuare a lavorare come al solito, sapendo che il loro PAC sta apportando le modifiche necessarie per adeguarsi alle nuove normative.

EDICOM News Italia | Scopri di più su Fattura Elettronica

Il modello Peppol 4-corner e il 5-corner Peppol CTC

Peppol è un sistema interoperabile di scambio di documenti elettronici che può funzionare come modello a 4 o a 5 angoli.

Tutto sul sistema di Fatturazione Elettronica del Perù

Il Sistema di Emissione Elettronica - SEE sta per finalizzare la sua attuazione con l'incorporazione del 100% delle aziende

Il SAT ed il Complemento Carta Porte per lo spostamento merci

Le società di trasporto avranno l'obbligo di emettere un nuovo supplemento per il trasporto di merci chiamato Carta Porte.